email facebook twitter google+ linkedin pinterest
LAC Lugano Arte e Cultura
Calendario e informazioni >
X Chiudi

Venerdì
15 gennaio

20:30

LAC Sala Teatro

Il suono di Julian Rachlin

Violino e viola

RécitalPanorama dal Novecento a noi


Julian Rachlin
, violino e viola
Denis Kožukhin
, pianoforte



Dmitrij Šostakovič

Sonata per violino e pianoforte in sol maggiore, op. 134

Robert Schumann
Märchenbilder per viola e pianoforte, op. 113

Johannes Brahms
Sonata per violino e pianoforte n. 3 in re minore, op. 108


Presentazione concerto alle ore 19.30 in Sala Refettorio. Prenotazione obbligatoria, clicca qui


Contenuto multimediale: 
Julian Rachlin & Friends - Festival Documentary



Julian Rachlin
è uno dei violinisti più entusiasti e apprezzati del nostro tempo. In questi anni ha conquistato il pubblico di tutto il mondo con un suono straordinariamente ricco e una superba musicalità. Rachlin è anche lodato come violista e, più recentemente, come direttore d’orchestra.

≪Mio padre è violoncellista, e ancora oggi il violoncello è il mio strumento preferito. Credo sia per questo che suono la viola: cosi mi sento più vicino al violoncello≫ dice Rachlin, che in récital è solito esibirsi con entrambi gli strumenti. Come accade in questo appuntamento di LuganoMusica dove, accompagnato dal pianista russo Denis Kožukhin, accosta tre brani intensi e molto diversi tra loro: due splendide pagine violinistiche come la Sonata di Šostakovič, la terza Sonata di Brahms e i quattro pezzi op. 113 per viola e pianoforte Märchenbilder di Schumann. Se la Sonata di Šostakovič sa sfruttare al massimo tutte le possibilità dinamiche dello strumento, e costituisce uno dei vertici del mondo spirituale dell’autore, quella di Brahms è improntata alla pienezza di suono, complice il grande virtuosismo del pianoforte. Quanto a Märchenbilder, quattro momenti musicali ispirati alle leggende popolari tedesche, vanno apprezzati per la loro purezza e delicatezza inventiva, cogliendo l’attimo fissato nell’invenzione melodica.