• Mascherina obbligatoria
    (> 12 anni)
  • Tracciabilità garantita

I Barocchisti
Coro della Radiotelevisione svizzera
Diego Fasolis
, direttore

Marie Lys, soprano
Lucia Cirillo, mezzosoprano
Margot Oitzinger, contralto
Bernhard Berchtold, tenore
Klaus Mertens, basso

Johann Sebastian Bach
Messa in si minore per soli, coro e orchestra, BWV 232

La Messa in si minore è tra i capolavori più leggendari di Johann Sebastian Bach. Un’opera imponente e unica, costituita quasi interamente recuperando e rielaborando lavori precedenti: sicuramente tredici – ma probabilmente quasi tutti – i suoi ventisei numeri non sono pagine originali ma adattamenti e parodie. La sua composizione ha accompagnato Bach per venticinque anni, dal 1724 al 1749, l’anno prima della morte.

Sarà presentata al pubblico nella sua forma integrale solo 85 anni dopo, nel 1834. Nella “Grande” Messa in si minore temi e motivi musicali tratti da opere risalenti a diversi periodi si fondono e trovano nuova coerenza, musica e testo si influenzano a vicenda guadagnando nuova forza espressiva, la distinzione tra generi musicali legati al rito cattolico o a quello luterano è superata, in un capolavoro che deriva la sua intensità dalla conciliazione degli opposti. L’ardua interpretazione di questo imperdibile «testamento spirituale», come è stato più volte definito, non poteva che essere affidata a Diego Fasolis e ai suoi Barocchisti, che tornano ad eseguire la musica sacra di Bach a Lugano dopo l’Oratorio di Natale.

Il concerto é registrato da RSI Rete Due