• Mascherina obbligatoria
    (> 12 anni)
  • Tracciabilità garantita

Gustav Mahler Jugendorchester
Jonathan Nott
, direttore

Ludwig van Beethoven
Sinfonia n. 6 in fa maggiore, op. 68 Pastorale

Claude Debussy
La Mer, tre schizzi sinfonici per orchestra L 109

Maurice Ravel
La Valse, poema coreografico per orchestra M 72

La Gustav Mahler Jugendorchester è un’altra delle creature di Claudio Abbado, un lascito che nel 1987 il Maestro volle fortemente non solo per sostenere i giovani musicisti e il loro lavoro, ma anche per incoraggiare la produzione musicale dei giovani musicisti austriaci insieme ai colleghi delle allora repubbliche socialiste di Cecoslovacchia e Ungheria. Di conseguenza, la GMJO divenne la prima orchestra giovanile internazionale a tenere audizioni aperte nei paesi dell’ex blocco orientale. Nel 1992, la GMJO si è aperta a musicisti fino a 26 anni provenienti da tutta Europa. Oggi gode del patrocinio del Consiglio d’Europa ed è considerata la prima orchestra giovanile al mondo.

Il programma musicale diretto da Jonathan Nott, vede sui leggii tre capolavori in un crescendo da apollineo a dionisiaco che parte dalle suggestioni naturalistiche e pittoriche della Sinfonia n. 6 Pastorale di Beethoven. Il tema del mare nei tre pannelli sinfonici di Debussy assume un significato diverso dal naturalismo ottocentesco. La sua musica non raffigura la realtà, ne esprime il processo della percezione, e dei sensi. La Valse ha la funzione di tonico infallibile per tutti i tipi d’ascoltatore, che possono scoprirvi le infinite e preziose meraviglie timbriche e armoniche della tavolozza di Ravel o lasciarsi semplicemente andare al suo effetto trascinante.