domenica 15 gennaio

Sala Teatro

  • Mascherina obbligatoria
    (> 12 anni)
  • Tracciabilità garantita

Jean-Guihen Queyras, violoncello
Alexandre Tharaud, pianoforte

Marin Marais
Suite per violoncello e pianoforte n. 1 in la minore – da Pièces de Viole, libro 3
Les Folies d’Espagne per violoncello e pianoforte – da Pièces de Viole, libro 2

Franz Schubert
Sonata per violoncello e pianoforte in re maggiore, D 384

Francis Poulenc
Sonata per violoncello e pianoforte, FP 143

Un’amicizia di lunga data, e un’intesa musicale senza segreti. Il pubblico di LuganoMusica ha già potuto ascoltare Jean-Guihen Queyras e Alexandre Tharaud in occasione del loro primo récital al LAC nel 2019 e il loro ritorno segna uno degli appuntamenti da camera più attesi della stagione di LuganoMusica.

Il violoncellista Jean-Guihen Queyras è stato solista dell’Ensemble Intercontemporain e ha collaborato a lungo con Pierre Boulez. Il suo approccio alla musica riesce a mettere in relazione mondi sonori solo apparentemente lontani e a regalare esperienze di ascolto uniche, senza perdere mai la voglia di sperimentare. «Ho sempre avuto un temperamento eclettico. Quando ero studente, ero già molto curioso e flirtavo con ogni tipo di repertorio. Al Conservatorio ero quello a cui si rivolgevano gli studenti di composizione quando avevano bisogno di una cavia», ha detto in un’intervista per Bachtrack.

Con il pianista Alexandre Tharaud condivide la stessa visione aperta della musica. Insieme hanno inciso alcuni dei più importanti capolavori per violoncello e pianoforte, come le Sonate di Brahms e l’Arpeggione di Schubert. Il loro ultimo progetto discografico, pubblicato nel 2020 per harmonia mundi, si chiama Complices ed è una collezione di alcuni dei loro bis più applauditi nel corso di vent’anni di concerti.