Evento passato

24 giugno 2024

Sala Teatro

20:30

Chamber Orchestra of Europe
Sir Simon Rattle
, direttore
Magdalena Kožená, mezzo-soprano

Antonín Dvořák
Scherzo capriccioso, op. 66

Gustav Mahler
Rückert-Lieder per voce e orchestra

Béla Bartók
Cinque canti popolari ungheresi, SZ 33

Franz Schubert
Sinfonia n. 9 in do maggiore, D 944 La grande

È rilevante che le opere in un programma da concerto abbiano connessioni tra loro a formare un'unica idea generale? Sicuramente no quando accade per le composizioni incluse in questo splendido concerto, le quali sono tuttavia pervase da un generale senso di bellezza e di lirismo.

La raccolta delle cinque canzoni di Mahler sotto il titolo di Rückert-Lieder possono essere eseguite in qualsiasi ordine e la loro composizione da parte di Mahler non deriva da alcuna chiara motivazione. Fanno loro eco le cinque canzoni popolari ungheresi di Béla Bartók affidate anch’esse alla voce di Magdalena Kožená sotto la direzione di Simon Rattle sul podio della Chamber Orchestra of Europe.
Agli estremi del programma lo scherzo capriccioso di Dvořák e il capolavoro sinfonico Schubertiano: la Grande Sinfonia n. 9. Un percorso di ascolto che si apre in un clima di magica evocazione, e che cresce in una sorta di apoteosi.

La Chamber Orchestra of Europe (COE) non ha bisogno di presentazioni a Lugano. È stata fondata nel 1981 da un gruppo di giovani musicisti che si sono conosciuti nell'ambito dell'Orchestra Giovanile della Comunità Europea (ora EUYO). Oggi i membri della COE sono circa 60 e svolgono carriere parallele come direttori o leader di orchestre nazionali, come eminenti musicisti da camera e come insegnanti di musica.

Fin dall'inizio, l'identità della COE è stata plasmata dalla collaborazione con direttori e solisti di spicco. È stato soprattutto Claudio Abbado a fungere da importante mentore nei primi anni. Ha guidato la COE nella messa in scena di opere come Il viaggio a Reims e Il barbiere di Siviglia di Rossini, Le Nozze di Figaro e Don Giovanni di Mozart e ha diretto numerosi concerti con opere di Schubert e Brahms in particolare. Nikolaus Harnoncourt ha avuto una grande influenza sullo sviluppo della COE grazie alle sue esecuzioni e registrazioni di tutte le sinfonie di Beethoven e alle produzioni operistiche ai festival di Salisburgo e Vienna. Attualmente l'Orchestra ha una profonda collaborazione con Sir András Schiff e Yannick Nézet-Séguin, entrambi membri onorari che seguono le orme di Bernard Haitink e Nikolaus Harnoncourt.