• Mascherina obbligatoria
    (> 12 anni)
  • Tracciabilità garantita

City of Birmingham Symphony Orchestra
Mirga Gražinyté-Tyla
, direttrice
Gabriela Montero, pianoforte

Pëtr Il’ič Čajkovskij
Concerto per pianoforte e orchestra n. 1 in si bemolle minore, op. 23

Johannes Brahms
Sinfonia n. 3 in fa maggiore, op. 90

«Sarà Gražinyté-Tyla a rimuovere finalmente dal nostro vocabolario il concetto di “direttore donna”» scriveva BBC Music Magazine nel 2016, in seguito alla conferma dell’allora ventinovenne Mirga Gražinyté-Tyla a direttore musicale della CBSO. Dopo un solo concerto il suo sguardo determinato e il suo entusiasmo contagioso hanno persuaso l’orchestra britannica che – fedele ad una tradizione che nella selezione del direttore musicale cerca un accordo tra orchestra, dirigenza e pubblico – ancora una volta ha scelto un talento della nuova generazione, così come aveva fatto con un giovanissimo Simon Rattle nel 1980 e con un ancora sconosciuto Andris Nelsons nel 2008.
Da subito Gražinyté-Tyla si è immersa nella vita musicale dell’orchestra e della città, costruendo un rapporto di fiducia che ha lasciato spazio all’esplorazione di un nuovo repertorio: dalle sinfonie del polacco Mieczysław Weinberg, scelte per inaugurare la collaborazione con Deutsche Grammophon, ai brani di Raminta Šerkšnyte.

La naturalità di Gabriela Montero rende vive le interpretazioni del repertorio classico di un’espressività mai sentimentale. A Lugano, la pianista esegue il Concerto n. 1 di Cajkovskij, a 23 anni dalla vittoria – il terzo premio all’International Chopin Piano Competition – che segnò l’inizio della sua carriera internazionale. Gabriela Montero è nota al pubblico anche perché ama creare nella sala da concerto un clima di particolare complicità, non disdegnando, al termine delle esibizioni, di improvvisare talvolta su un tema proposto dal pubblico o dall’orchestra.

Guarda il video
Mirga Gražinytė-Tyla – Going for the impossible: The Conductor Mirga Gražinytė-Tyla